Lagdei – Foce del Fosco – Monte Orsaro – Monte Braiola – Monte Marmagna – Lago Santo (Parma)

Località di partenza Lagdei, località I Cancelli (1257 m) Parma
Lunghezza 11,1 km
Quota massima 1852 m Monte Marmagna
Dislivello complessivo in salita 1059 m
Arrivo Lagdei, località I Cancelli (1257 m) Parma
Acqua lungo il percorso SI - Lago Santo
Parcheggio libero I Cancelli - Link
Traccia GPX LINK
Mappa e profilo altimetrico LINK

Come arrivare: da Parma si percorre la SP665 verso Langhirano. Superato il paese si continua in direzione Pastorello dove, alla rotonda, si prende la prima uscita e si prosegue per Corniglio. In località Miano si gira a destra e si seguono le indicazioni per Lagdei. Arrivati in località “I Cancelli” c’è il parcheggio.
Verso la Foce del FoscoLasciamo l’auto nel parcheggio e ci incamminiamo lungo la carrareccia che conduce al Rifugio Lagdei (1250 m) dove seguiamo la segnaletica verticale indicante Ronchi di Luciano (ore 0,40) e Foce del Fosco (ore 0,50). Proseguiamo dritto e ci inoltriamo nel bosco di abeti, attraversiamo il ponte sul Rio di Monte Orsaro e continuiamo fino ad arrivare ad un incrocio dove la segnaletica verticale indica a sinistra la Foce del Monte Fosco. Giriamo a sinistra e iniziamo a salire ripidamente affrontando vari stretti tornanti. I primi 200 metri hanno una pendenza media del 26,5% mentre i successivi 200 metri hanno una pendenza media del 28,6%. Continuiamo in salita all’interno del bosco su sentiero Le cime degli Appennini parmensimolto bello e ben tracciato, oltrepassiamo Ronchi di Luciano (1530 m) e arriviamo alla Foce del Fosco (1613 m). Ricapitolando, dall’inizio della salita a qui abbiamo percorso 1,5 km superando un dislivello di 335 metri con una pendenza media del 23%. Giriamo a sinistra e seguiamo il sentiero tracciato nel bosco che porta al Monte Orsaro. Dopo circa mezz’ora la faggeta lascia il posto ai bassi cespugli di mirtilli e alle numerosissime viole che sfoggiano vari colori, giallo, bianco viola e viola e giallo. In circa 20 minuti raggiungiamo la vetta del Monte Orsaro (1830 m). Dalla Foce del Fosco a qui abbiamo percorso 900 metri superando un dislivello di 217 metri con una pendenza media del 24%. Un tratto del sentiero verso il Monte MarmagnaIn condizioni di cielo sereno da questa cima è possibile vedere il mare in lontananza, ma la giornata di oggi è caratterizzata da una leggera foschia che ne impedisce la vista, ma che comunque rende molto suggestivo il panorama velando le cime delle montagne che si profilano di fronte a noi. Dopo aver mangiato una banana e un cornetto alla crema di fianco alla statuetta stilizzata della Madonnina, riprendiamo il cammino in discesa, lungo il crinale, e raggiungiamo in poco tempo la Bocchetta dell’Orsaro (1722 m). Proseguiamo in salita fino alla cima del Monte Braiola (1819 m). Dalla Bocchetta dell’Orsaro a qui abbiamo percorso 340 metri superando un dislivello di 90 metri con una pendenza media del 26,2%. Qui troviamo un termine di confine abbastanza rovinato, la P del Panorama verso il golfo di La SpeziaDucato di Parma non si riconosce quasi più mentre la T del Granducato di Toscana è ben leggibile. La segnaletica verticale indica Sella del Braiola (ore 0,20), Monte Marmagna (ore 0,40) e Sella del Marmagna (ore 1,10). Scendiamo fino alla Sella del Braiola (1715 m) fermandoci spesso per fotografare i fiori, tra cui varie genziane già in fiore con il loro colore azzurro/violetto. Riprendiamo la salita lungo il crinale camminando sul sentiero 00 che coincide con il Sentiero Italia fino a raggiungere il Monte Marmagna (1851 m), che si contraddistingue dall’alta croce di ferro collocata nel 1901 e da una piccola statua della Madonna. Dalla Sella del Braiola a qui abbiamo percorso 580 metri Un tratto del sentiero sul crinalesuperando un dislivello di 130 metri con una pendenza del 23%. Ricapitolando, dal parcheggio a qui abbiamo percorso 5,9 km superando un dislivello di 970 metri. Ci fermiamo un momento per guardare il panorama e vedere il mare in lontananza. Purtroppo la leggera foschia rende poco nitido il panorama sul golfo di La Spezia e le isole Palmaria e Tino. Approfittiamo per mangiare un panino al prosciutto e riposare prima di riprendere il cammino. Da qui seguiamo il sentiero facile che conduce al Lago Santo in meno di un’ora, dove ci fermiamo a “pigrottare” un pò e goderci il sole. Dopo questa bella sosta ci incamminiamo sul Un tratto della faggeta vicino al Lago Santosentiero panoramico e ci fermiamo un momento per fotografare le figure incise nella roccia, una raffigurante un cavallo e le altre due profili greci. Proseguiamo in discesa fino ad arrivare al bivio dove noi continuiamo dritto lungo il sentiero delle carbonaie mentre a sinistra si prosegue verso Lagdei con il sentiero panoramico. 22/05/2020. Per visualizzare altre foto: LINK

Altri itinerari nei dintorni
  1. Lago Santo1
  2. Orsaro e Marmagna 1
  3. Orsaro e Brusà
  4. Lago Santo 2
  5. Orsaro e Marmagna 2
  6. Sillara e Matto
  7. Tavola e Fosco
  8. Orsaro e Marmagna 3
  9. Passo del Lagastrello
  10. Monte Tavola
  11. Corniglio - Prato Spilla
  12. Le Carbonare - Monte Marmagna